La storia del giorno dei veterani

Il Veterans Day è importante perché è un’opportunità per onorare gli uomini e le donne che hanno combattuto per il nostro paese. Sapevi che ha una storia segreta che si estende da Buckingham Palace a Birmingham, in Alabama?

A volte, la speranza arriva all’undicesima ora. Questo fu il caso alla fine della prima guerra mondiale, quando un accordo di pace, o armistizio, fu firmato alle 11 l’11 novembre – l’undicesima ora dell’undicesimo giorno dell’undicesimo mese. Anche se il trattato ufficiale per porre fine alla guerra venne dopo, il significato dell’11 novembre colpì il cordone in tutto il mondo come un giorno di pace. L’Armistizio Day è iniziato con una commemorazione in Inghilterra; negli Stati Uniti, è stato un giorno scelto per onorare i veterani di “The Great War”.

Nel 1926, il Congresso degli Stati Uniti approvò una risoluzione che dichiarava l’11 novembre “essere commemorata con ringraziamento, preghiera ed esercizi volti a perpetuare la pace attraverso la buona volontà e la comprensione reciproca tra le nazioni”. L’accordo di pace è ancora riconosciuto l’11 novembre, non solo nel Stati Uniti, ma anche in Gran Bretagna, Nuova Zelanda, Australia e Canada.

Anni dopo, ovviamente, la seconda guerra mondiale riportò di nuovo in conflitto le nazioni della guerra, e gli Stati Uniti mobilitarono un numero record di truppe da combattere. Uno di quei veterani, un alabamiano di nome Raymond Weeks di Birmingham, riteneva che tutti i veterani dovessero essere onorati nel giorno già associato alla guarigione e alla pace. Le settimane portarono il suo piano al capo di stato maggiore Dwight Eisenhower. Il piano non entrò in vigore al momento, quindi Weeks portò la sua idea a casa a Birmingham dove mise insieme la prima parata degli Stati Uniti contro i veterani nel 1947.

Alla fine, il Capo di Stato Maggiore Eisenhower divenne Presidente Eisenhower, e nel 1954, cambiò ufficialmente il Giorno dell’Armistizio al Giorno dei Veterani. Succedeva ancora in quel giorno storico, l’11 novembre, ma è stato ampliato per includere tutti i veterani americani – quelli che hanno prestato servizio sia in guerra mondiale che in Corea.

Oggi, il Veterans Day onora il sacrificio di tutti i veterani americani – sia i vivi che quelli che abbiamo perso. Gli aspetti specifici del Veterans Day sono cambiati nel corso degli anni, ma il suo scopo, quello di rappresentare un grande sacrificio e un giorno per fare del nostro meglio per diffondere “la buona volontà e la comprensione reciproca tra le nazioni”, rimane altrettanto importante oggi quanto lo era nel 1918 nel primo giorno dell’Armistizio.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

30 − = 25