Domande e risposte con il designer della nostra migliore nuova cucina

Fo 25 anni fa, la designer di cucine certificata Jennifer Gilmer ha creato un gran numero di grandi cucine e bagni. Dato che il suo lavoro in questa meravigliosa cucina ci ha fatto una tale impressione, abbiamo colto l’occasione per scoprire di più sulla sua esperienza e sui suoi consigli.

Q: Jennifer, ciò che distingue un designer di cucine certificato da un interior designer?
UN: “Queste due professioni vengono ammassate un po ‘insieme, ma sono molto, molto diverse. È quasi come la differenza tra un chirurgo generale e un cardiochirurgo.
Il design della cucina è molto tecnico e matematico, oltre a richiedere ai CKD [designer di cucine certificate] di avere una conoscenza pratica dell’architettura. Tenere il passo con il mondo in continua evoluzione degli elettrodomestici è altrettanto importante. I progettisti di cucine devono essere in grado di disegnare, a mano o con il computer, con grande precisione. Ci si aspetta che comprendiamo un’elaborazione complessa dell’armadio e dettagli strutturali. Mi piace anche sottolineare che ci concentriamo prima sulla funzione e poi sull’estetica, che è un po ‘diversa da come funzionano gli interior designer.
Non c’è davvero nessuna laurea richiesta per diventare un CKD, anche se sono necessari sette anni di esperienza lavorativa prima che una persona possa sostenere l’esame NKBA / CKD. Si consiglia di fare riferimento al sito Web NKBA (National Kitchen & Bath Association all’indirizzo www.nkba.org) per saperne di più. “

D: I triangoli magici dello spazio di lavoro che sono stati reclamizzati per anni come essenziali per i buoni layout di cucina: che cosa ne pensi??
UN: “Sì, sono ancora strumenti di progettazione molto validi. Trovo che non sia solo il triangolo che è importante, ma anche il modo in cui i tre componenti (lavandino, frigorifero e piano di cottura) sono posizionati in quel triangolo. Ad esempio, è meglio individuare il lavandino tra il frigorifero e la superficie di cottura. Tipicamente durante la cottura, il processo normale consiste nel raccogliere gli oggetti dal frigorifero, prepararli al lavandino e quindi passare al piano di cottura. È anche fondamentale assicurarsi che ci sia abbastanza spazio tra il lavello e il piano di cottura perché, in definitiva, diventa lo spazio di lavoro principale. Se una cucina è così grande che il triangolo di lavoro è più di 25 piedi lineari, è fondamentale avere un triangolo di lavoro per la cottura al fine di ridurre la quantità di movimento dall’apparecchio all’apparecchio e un’area di pulizia separata. Altrimenti, il cuoco sarà consumato alla fine di preparare un pasto. “

D: Ci sono elementi particolari che cerchi di lavorare nei tuoi progetti di cucine?
UN: “Il tavolo mobile con rotelle che vedi in questa cucina: è questo tipo di funzionalità inaspettata che sta rapidamente diventando un mio elemento di design. Preferisco questo metodo di ristorazione flessibile piuttosto che l’uso convenzionale di sgabelli su un bancone esteso. Anche l’equilibrio e le proporzioni corrette, sia simmetriche che asimmetriche, sono fondamentali. Allo stesso modo, l’illuminazione può creare o distruggere lo spazio, quindi, assicurarsi che una cucina sia ben illuminata è sempre la chiave per un risultato finale di successo.

D: Ci sono dei consigli che potresti dare ai nostri lettori che sono desiderosi di rifare le loro cucine?
UN: “Quando stai pensando di riprogettare la tua cucina, non lasciarti coinvolgere nello scegliere uno stile piuttosto che un altro. Mantieni una mente aperta e guarda un sacco di foto [le riviste sono la migliore fonte di questo]. Potresti sorprendervi, ad esempio, scoprendo che preferisci davvero il contemporaneo anziché il tradizionale o che ti piacciono le finiture dipinte piuttosto che le finiture del legno.
Inoltre, se stai rinnovando una cucina esistente, non lasciare che la necessità di ricollocare elettrodomestici o linee idrauliche impedisca la tua capacità di ottenere il miglior design possibile. Il costo non è mai quello che pensi, più la gioia che ottieni dal miglior design possibile è ciò che alla fine conta.
Infine, scegli un designer con cui ti senti a tuo agio. Molti designer non sono i migliori ascoltatori, quindi assicurati di essere ascoltato e riceverai una risposta appropriata. Un grande design è quello in cui collabori con successo con il tuo designer. Quindi, sii proattivo, fai domande e sii onesto riguardo le tue simpatie e antipatie “.

 

 

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

55 − 54 =